top of page
  • Immagine del redattoreRoberta Mariano

Stop al disel e alla benzina dal 2035

Il divieto della vendita di veicoli a benzina e diesel è stato approvato dal Parlamento Europeo con 340 voti favorevoli, 21 astenuti e 279 contrari. La decisione del Parlamento Europeo, però, non è stata accolta con favore da alcuni esponenti del governo italiano.

"È una decisione folle e sconcertante, contro le industrie e i lavoratori italiani ed europei, a tutto vantaggio delle imprese e degli interessi cinesi. Ideologia, ignoranza o malafede?” - queste sono le parole di Matteo Salvini pubblicate su Instagram ed in cui esprime la sua completa disapprovazione a questa decisione. Non solo Salvini, ma anche altri esponenti del centrodestra hanno criticato la decisione del Parlamento Europeo. “Centinaia di migliaia di posti di lavoro andranno persi in Europa a causa di questa decisione”: è ciò che ha dichiarato Pietro Fiocchi, eurodeputato di Fratelli d’Italia. “Inoltre - aggiunge il politico - diventeremo totalmente dipendenti dai Paesi extraeuropei, in particolare dalla Cina, per i microchip, il litio, il cobalto e così via”. Contrari anche gli esponenti della Lega Marco Campomenosi, Marco Zanni e Silvia Sardone che hanno dichiarato: "La maggioranza del Parlamento Europeo confeziona uno schiaffo al settore dell’automobile e a categorie fondamentali dell'economia italiana ed europea, per fare al contempo un regalo enorme a Pechino”.

La Commissione europea ha, inoltre, avviato l'iter di revisione del regolamento per le emissioni di CO2 anche per gli autobus e per i camion. La proposta prevede zero emissioni dal 2030 per i bus che circolano in città e un taglio del 90% delle emissioni per le flotte degli altri mezzi pesanti, a partire dal 2040. La proposta sarà presentata prevede che i veicoli commerciali pesanti dovranno ridurre le emissioni di CO2 in modo progressivo, del 45% nel 2030 e del 90% nel 2040.

Gli obiettivi intermedi delle emissioni per il 2030 sono fissati dal nuovo Regolamanto al 55% per le auto e al 50% per i furgoni. La Commissione europea presenterà entro il 2025 una metodologia per valutare e comunicare i dati sulle emissioni di CO2 durante l'intero ciclo di vita delle autovetture e dei furgoni venduti sul mercato europeo. Entro dicembre 2026, la Commissione calcolerà i dati reali sul consumo di carburante ed energia, riferirà su una metodologia per adeguare le emissioni specifiche di CO2 dei costruttori e proporrà adeguate misure di follow-up. I costruttori responsabili di piccoli volumi di produzione nell'arco di un intero anno solare potranno beneficiare di un'eccezione, una deroga, fino alla fine del 2035 mentre chi è sotto la soglia resterà privo dai vincoli.

Il Parlamento europeo prevede di raggiungere, inoltre, i seguenti obiettivi:

-espandere la capacità di ricarica in linea con le vendite di auto a emissioni zero e installare punti di ricarica e rifornimento sulle autostrade;

-prevedere punti di ricarica in parcheggi sicuri e protetti, nelle principali città e negli agglomerati posti sulla rete di trasporto transeuropea, per consentire soprattutto la ricarica dei camion per le consegne urbane.




13 visualizzazioni

Comments


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Instagram
  • Youtube
600px-Telegram_logo.svg.png
webjournal qrcode.jpg
bottom of page